La fregola del Carnevale

La fregola del Carnevale è una scusa. Ve lo diciamo per correttezza, così che nessuno venga a dirci “Ma cosa cavolo vi siete messe?”. Non è colpa nostra: tutte quelle volte che vediamo sfilare cose un po’ assurde ma bellissime ci viene il broncio perché, diciamocelo, esclusa la Fashion Week, quando possiamo indossare veramente certi... Mostra articolo•••

THE CARNIVAL FREGOLA

The Carnival fregola is just an excuse. We use it so that no one can say "what the hell are you wearing?" But we can’t help it: every time we see all those outrageous but stunning clothes on the catwalk, we can’t help pouting because let's face it, aside from Fashion Week, when do we ever actually get the chance to go out in clothes and accessories like that? •••

LA FREGOLA DELLA SCIARPA

La sciarpa è uno di quegli oggetti che ci causa la paresi maschillo-facciale ogni volta che qualcuno ce ne regala una. Di solito succede a Natale, quando qualche parente indeciso tra un tritacarne portatile e un puzzle per adulti, alla fine si presenta con un classico. Una sciarpa. Inutile. Se, però, siamo noi ad adocchiarla in un negozio, la sciarpa diventa quel pezzo di abbigliamento fondamentale di cui non possiamo fare a meno per tutto l'inverno. Che, se la dimentichiamo a casa, ci sentiamo nude, come se fossimo uscite in mutande, e perse, come se ci mancasse la borsa con dentro il senso dell’orientamento.•••

LA FREGOLA DELLO YETI

A pelo lungo o rasato. Di volpe o di lapin. Vera o finta. Nuova o vintage. Nera o full color. Lunga o mini. Bianca o pastello. Eco o low. La fregola di oggi è andarcene in giro facendo leggenda, imbacuccate come Brigitte Bardot o Marilyn Monroe in un folto cappellino o in un lanoso cappottino.•••

LA FREGOLA DEL TOP

LA FREGOLA DEL TOP. Noi a pancia scoperta? Ma stiamo scherzando? Ovviamente sì. Abbiamo resistito circa sette minuti al richiamo degli anni 90 che è si è fermato qualche centimetro sopra il nostro ombelico. Più o meno all’altezza dell’orlo del top che ci siamo comprate in un momento di raptus da & Other Stories, l’upgrade di H&M. •••

LA FREGOLA DELLA GONNA LUNGA

LA FREGOLA DELLA GONNA LUNGA. La gonna lunga è un bel programma alternativo. Comoda come i pantaloni, ma più svolazzante. Per abbinarla, basta pensare di avere addosso un paio di jeans a campana. Se è stampata o ha dei colori sgargianti, meglio scegliere un sopra neutro: come una camicia di jeans chiusa fino all’ultimo bottone, un blazer a quadri o un giubbotto di pelle. •••

LA FREGOLA DELLE SCARPE A PUNTA

LA FREGOLA DELLE SCARPE A PUNTA. Le abbiamo criticate, accettate, odiate, desiderate, amate, perdonate. Armi contundenti dall’aspetto impeccabile e il tacco altissimo, alto, medio o rasoterra. Dentro la cui suola il pollice fluttuava nel vuoto e il mignolo esalava l’ultimo respiro. •••

LA FREGOLA BLACK & WHITE.

LA FREGOLA BLACK & WHITE. Niente colori delle foglie d’autunno, niente colori del mare o delle montagne, niente colori della frutta, niente albe o tramonti. Niente sfumature, insomma. Almeno in questa fregola, che celebra la bellezza di un mondo in bianco e nero.•••

LA FREGOLA KLEIN.

LA FREGOLA KLEIN. Prego, Mr. Calvin, torni pure al posto, è del colore che vogliamo parlare. Non è una questione di preconcetti, ma un puro fatto cromatico. Il blu Klein lo indossiamo per distinguerci dal red carpet o in metropolitana; per non sbagliare abbinamento quando siamo di fretta; per osare senza rischiare. •••