Dalla passerella ai binari. E ritorno

Amo i ponti sui fiumi, i vagoni dei treni, le vecchie stazioni. Ancora di più se abbandonati. Come i binari interrotti dell’ex Dogana di Via Valtellina, dove Gucci quest’anno ha scelto di far sfilare la sua collezione primavera/estate 2016.•••

FROM CATWALK TO THE RAILWAY TRACK. AND BACK

I love bridges over rivers, train carriages and old stations. Even more so if they’re abandoned. Like the old railway line at the ex-customs depot in Via Valtellina, chosen by Gucci this year for its SS2015 show.•••

#mfw: le fregole fall/winter 2015 che abbiamo amato di piu’

Tra una sfilata vista dal vivo, una in streaming e un’altra dal marciapiede è giunto il momento di tirare le somme di questa fashion week milanese.•••

#MFW: THE FALL/WINTER 2015 FREGOLE WE LOVED MORE

From one live runway show, to one watched online, to another on the street, it’s time to do the sums on this Milan fashion week.•••

LA FREGOLA GIALLA

LA FREGOLA GIALLA. Secondo la cromoterapia il giallo fa molto bene all’umore. E sottoforma di fregola fa ancora meglio. Dall’abito da sera ananas al jeans limone, dalla cluch al neon al blazer pastello, dallo smalto zafferano alla t-shirt ocra: più giallo è, più sole c’è. •••

LA FREGOLA DELLA CLUTCH

LA FREGOLA DELLA CLUTCH. L’abbiamo battezzata borsa da tavolino. Perché senza un tavolino a portata non sai mai dove mettertela. Soprattutto se in mano hai anche un cocktail, una tartina e una sigaretta. Dopo averla infilata sotto l’ascella, tenuta con due o quattro dita, a seconda dei crampi, è sul tavolino che finisce la clutch. •••

LA FREGOLA DEL RED CARPET

LA FREGOLA DEL RED CARPET. Anche se non ci abbiamo mai messo piede, e probabilmente mai lo metteremo, nella vita bisogna essere pronte. Nell’armadio di una donna non può mancare un abito da sera: e se passa Azzurro e ci trova in ciabatte? Chiarito ciò, pensavamo a qualcosa di molto principesco, magari di un colore-non-colore senza spalline, tipo l’abito rosa blush di Dior che aveva Jennifer Lowrence agli Oscar ma che non faccia inciampare;•••

LA FREGOLA TWIZY

LA FREGOLA TWIZY. È un po’ che ne vediamo una parcheggiata davanti all’ufficio e anche a noi è venuta la fregola di questo gioiellino-giocattolo. I motivi, in ordine sparso, sono 1) le dimensioni: la nostra Smart in confronto sembra una station wagon; 2) l’ecosostenibilità: un’auto elettrica depenna automaticamente il problema area C;•••

LA FREGOLA KLEIN.

LA FREGOLA KLEIN. Prego, Mr. Calvin, torni pure al posto, è del colore che vogliamo parlare. Non è una questione di preconcetti, ma un puro fatto cromatico. Il blu Klein lo indossiamo per distinguerci dal red carpet o in metropolitana; per non sbagliare abbinamento quando siamo di fretta; per osare senza rischiare. •••