What women don’t want

Potrei partire da pancia, cellulite, tette piccole, braccia molli, scarpe brutte. Finire con dita dei piedi storte, capelli secchi, peli folti, peli incarniti, ricrescite, passando per messaggi senza risposta, uomini tirchi, uomini stronzi, uomini poco dotati (non solo di cervello), carenza di uomini. Ma girerei solo intorno al punto. Se c’è una cosa che le donne non vogliono in assoluto sono le rughe: il resto viene dopo.
E a colei che, dopo questa affermazione, si scaglierà contro di me a colpi di santi, madonne e frasi del tipo “Ma non puoi fermare il tempo!”, “Invecchiare è naturale!”, “Il segreto è invecchiare con eleganza!”, io con eleganza scaglierò una pietra in direzione della sua faccia: No, scusa, carina, ma se mettessero in commercio il succo di lunga vita della Morte ti fa bella, giurami su tua madre che non correresti a comprartelo il minuto dopo! Scuoti la testa? Giura di nuovo che non andresti a comprartelo neanche quando ci sono i saldi al 50.
Comincio a essere preoccupata per sua madre.
Non facciamo le false.
Le rughe sono crudeli, ingiuste, sadiche, irragionevoli. Soprattutto con noi donne.
Se fossero un paio di scarpe sarebbero croks. Se fossero un giorno della settimana sarebbero il lunedì. Se fossero un personaggio biblico sarebbero Giuda. Un personaggio romanzesco: Mr Heyde. Un personaggio realmente esistito: il Mostro di Firenze. Un personaggio dei cartoni animati: il terribile Brunga (l’antieroe di Ciobin, boing boing).
Le rughe vanno stirate, sterminate, sconfitte, sepolte vive.
Sciolte nella salamoia.
Non avendo ancora il coraggio, la confidenza o forse l’età per buttarmi su punture e punturine (ma mai dire mai), al momento ho scelto come arma di annientamento personale le creme antiage, (oltre naturalmente a maschere, peeling e protezione solare manco fossi un vampiro.)
E, quindi-quindi-quindi: dopo tre quarti di vita ho finalmente avuto la possibilità di provare la creme de la mer. E non voglio più tornare indietro.
Costo: alto. Un barattolino da 30 ml costa 145 euro. Il contorno occhi costa xxx.
Ma, risultato: altissimo. La applico da due settimane sul viso, in particolare sotto gli occhi e intorno alle zampe di gallina e sono sconvolta. È cremosa, consistente, ricca. Così ricca che va massaggiata sui polpastrelli prima di essere spalmata. Fatto sta che ha il potere di riempire la pelle. Di ridarle luce e nutrimento. Di rinnovarla insomma. Ha levigato anche la ruga verticale che nell’ultimo anno e mezzo mi si era formata sulla guancia sinistra. Forse perché rido, urlo e parlo più sguaiatamente da quel lato della faccia.
Ogni giorno c’è un piccolo miglioramento.
Non è un caso che 50 anni fa venne inventata da un fisico proprio per riparare le ustioni che un incidente in laboratorio gli aveva procurato sul volto.
Se i miglioramenti continuano potrei valutare di spalmarmela sul cervello.

WHAT WOMEN DON'T WANT

I could begin with a flabby tummy, cellulite, small boobs, saggy arms, ugly shoes. And end on crooked toes, frizzy hair, stubborn leg hair, ingrown hairs, regrowth, via unanswered texts, mean guys, assholes, less-than-endowed guys (and not just in intelligence), no guys. But I’d just be avoiding the issue. If there’s one thing women never ever want it’s wrinkles: the rest comes second place.
And for those of you who start freaking out when they hear this, shouting Hail Mary and stuff like “But you can’t stop time!”, “Ageing is natural!”, “The secret is to age gracefully!”, let me cast grace along with a stone in the direction of your face: come on honey, swear on your mom’s life that if they brought out a Death-Becomes-Her-everlasting-youth-potion tomorrow you wouldn’t run down to the store the next second to get some! Still shaking your head? Ok then, swear you wouldn’t get some half price in the sales.
I’m beginning to worry about your mom.
Why pretend?
Wrinkles are cruel, unfair, sadistic, unreasonable. Especially on us girls.
If they were a pair of shoes they’d be Crocs. If they were a day of the week they’d be Monday. If they were a Biblical character they’d be Judas. A fictional character: Mr. Hyde. A real character: The Yorkshire Ripper. A cartoon character: Brunga the terrible (Chobin’s arch enemy, boing boing).
Yes, wrinkles should be ironed out, exterminated, banned, buried alive.
Dissolved in brine.
And because I haven’t built up the courage, confidence or perhaps the age to consider resorting to Botox yet (but never say never), my personal weapon of choice of the moment is anti-ageing cream (plus of course face-masks, exfoliants and more sunscreen than a vampire.)
And, so-so-so: after three quarters of a lifetime I finally got the chance to try out Crème de la Mer. And I’m not going back.
Cost: High. A 30 ml pot starts at 145 euro. The eye cream costs xxx .
But, results: fabulous. I’ve been using it for two weeks on my face, especially on the under eye area and crows feet and it’s incredible. It is creamy, thick, rich. So rich that you have to massage it with your fingertips before applying. It basically has the power to fill in the skin. To brighten and replenish. In short to renew it. It’s even honed out the vertical wrinkle that’s appeared on my left cheek in the last year and a half. Maybe because I laugh, cry and speak louder on that side of my face.
Each day I see a gradual improvement.
So it’s no surprise that it was invented 50 years ago by a physicist to heal facial burns he got from an accident in the lab.
If I carry on like this I might have to consider using some on my brain.

    1. Written by Daniela Zuccotti

you may also like:

LEAVE A COMMENT