La fregola del maxi stivale

Siamo confuse. Fino a due inverni fa guardavamo gli stivali maxi, quelli alti, lunghi, over the knees o sopra il ginocchio che dir si voglia, a distanza di sicurezza, perché ci avevano spiegato che sotto una certa misura non si è abbastanza. Abbastanza alte, slanciate, aggraziate. Poi gli abbiamo visti ovunque e su chiunque: cioè, oltre ogni regola matematica di lunghezza meno polpaccio fratto coscia. Da qui il nostro disorientamento, consapevoli che il rischio era ed è sempre dietro l’angolo, ma anche la fregola. Alla fine abbiamo ceduto. Ma con qualche astuzia. Non si sa mai. Primo: gli abbinamenti da night abbiamo deciso di evitarli. Sdoganato il corto, sì, ma solo a metà tra il bon ton e il minimal. E in caso di noia ci siamo date a una mini con maglione over, agli shorts con camicia dalle maniche lunghissime e così via, seguendo la regola del togli-metti e metti-togli a blocchi di colore. Secondo: gli stivali maxi ci piacciono anche flat, ma in fine dei conti un po’ di tacco aiuta. Soprattutto a far sì che nessuno venga a dirci “te l’avevamo detto”. È così, siamo andate di tre barra cinque centimetri. Ricapitolando, non vi vuole tanto a far sembrare le gambe più lunghe. La cosa più complicata resta scegliere. Per esempio: tra le stelle di Valentino e la pelle inguainata di Prada? Forse il suede di Yves Saint Laurent: uno di quei classici anni ’60 che non moriranno mai.

THE MAXI-BOOT FREGOLA

OK so we’re a little confused. Until a couple of winters ago we always watched maxi-boots, high, tall, over the knee or whatever you want to call them from a safe distance, because we thought anything under a certain height wasn’t enough. Tall enough, slim enough, graceful enough. Then we started seeing them everywhere and on everyone: proving all the math of length divided by calf minus thigh totally wrong. Which kinda threw us, because we know risk is always around the corner, but then again so is the fregola. In the end we surrendered. But with a little good sense. You can never be too sure. First: avoid stripclub style getups. Short is OK but only if it’s somewhere between bon ton and understated. And if that all seems a little tedious, spice things up with a miniskirt teamed with an oversized sweater, shorts with an extra-long-sleeved shirt and so on and so forth, always following the rule of add-subtract, subtract-add in color blocks. Second: we do like flat maxi-boots but ultimately a little heel does help. Just so no one can say “we told you so”. We’re going for 1-2 inches. So you see it doesn’t take too much effort to make your legs look longer. Now all that’s left to do is choose. Will it be Valentino’s stars or Prada’s buckled leather? Or maybe Yves Saint Laurent suede: a 60’s classic that will never die out.

    1. Written by Martina Antongiovanni

      Photo via fiorifrancesi.com, lacooletchic.tumblr.com, pinterest.com, whowhatwear.com

you may also like:

LEAVE A COMMENT