@tableous is the new fabulous

Due panzerotti con mozzarella e pomodoro, una centrifuga carota, arancia, mela e zenzero, per sentirsi in pace con la coscienza, gli occhi di Maurizio, seduto davanti a una tazza di caffè nero, puntati su di me: ma che metabolismo hai, Zuccotti?
Le idee nascono anche così, fra una battuta piccata di chi è dieta (a chi no) e un foglio di carta recuperato da Pulia, in Via Vigevano, sul quale abbiamo appuntato un nome: tableous.
Era da un po’ che volevamo dare una casa a fashion vs food e senza pensare troppo alle conseguenze abbiamo buttato giù le fondamenta.
Sì, insomma, perché lo sapete: Maurizio di Chissenefood cucina da dio e io non sono capace neanche di accendere un forno. Però in quanto a moda deve fare ancora tanta strada. In Via Montenapoleone, aggiungerei io.
Insieme abbiamo dato vita a un mondo che abita su Instagram. Un mondo nel quale la moda e il cibo parlano la stessa lingua e soprattutto si siedono alla stessa tavola: una tavola favolosa, un po’ food è un po’ fashion. Che esce dall’armadio e approda in cucina, passando per la mise en place.
Oggi, per cominciare, vi presentiamo l’apparecchiatura per un brunch: camicie di lui usate come tovagliette, una cravatta per abbellire un bicchiere, una borsa di paglia porta-pane, la stessa (insieme alla camicia), finita su Vogue qualche mese fa addosso a me.
Del resto le possibilità di una camicia di Prada (di Alessandro Sabini) sono infinite.
Come piatto Maurizio ha creato un uovo in camicia con pomodori grigliati e salsa olandese: non chiedetemi la ricetta. Ero di fianco a lui quando si dava da fare ai fornelli, ma probabilmente ero distratta a farmi le unghie o ad annodarmi una cravatta in vita a mo’ di cintura.
Per maggiori ispirazioni seguite @tableous su Instagram: le vie della tavola sono infinite.

@TABLEOUS IS THE NEW FABULOUS

Two tomato and mozzarella panzerotti, a carrot, orange, apple and ginger juice to combat the guilt pangs, and the eyes of Maurizio, sitting in front of a cup of black coffee, driving into at me: that’s one hell of a  metabolism you have Zuccotti.
That’s how ideas are born, between a jab from someone who’s on a diet at someone who isn’t, and a piece of paper picked up in Pulia in Via Vigevano, where we wrote a name: tableous.
For a while now we’ve been wanting to build a house for fashion vs food and without even thinking it through too much we threw down down the foundations.
Because you know it: Maurizio from Chissenefood is an amazing cook and I can’t even switch on the oven. But in fashion terms he still has a fair way to go. Down via Montenapoleone I might add.
Together we’ve created a world that lives on Instagram. A world where fashion and food speak the same language and above all sit at the same table: a fabulous table, a bit food and a bit fashion. That comes out of the closet and lands in the kitchen, via a table setting.
Today, to get things started, we’re presenting the table setting for a brunch: his shirts used as napkins, a necktie to decorate a glass, a straw bag bread basket – the same one that (along with the shirt) appeared on me in Vogue a couple of months ago.
Because the ways of one of (Alessandro Sabini’s) Prada shirts are infinite.
Food-wise Maurizio created an eggs benedict with grilled tomatoes and hollandaise sauce: don’t ask me for the recipe. I was standing next to him while he was slaving over the stove, but I was probably more interested in doing my nails or tying a tie round my waist as a belt.
For more inspiration follow @tableous on Instagram: the ways of the table are infinite.

    1. Written by Daniela Zuccotti

      Table by Daniela Zuccotti and Maurizio Rosazza Prin

      Photo by Arianna Bonucci

you may also like:

LEAVE A COMMENT