Fregole Somewhere: Parigi dai Tetti Grigi.

Il segreto di Parigi? Tetti grigi, malinconia che galleggia a mezz’aria, colori pastello che fanno sembrare ogni palazzo un castello, mentre i panni stesi al sole danzano sulle note dei violini di Montmartre.

 

Ci siamo perse nelle salite per raggiungere il Sacré-Coeur che si colora di rosa al tramonto, abbiamo contato i gradini infiniti delle scale che portano a Pigalle, ci siamo fermate ad ammirare i portoni ricamati. Per un momento abbiamo perfino pensato di raggiungere Les Marais dal Moulin Rouge perché sulla mappa sembrava vicino. Be’, sappiate che Parigi è troppo grande per girarsela in passeggiata, neanche con le sneakers ai piedi e un paio di pumps nella borsa. Ma mai dire mai…

 

Il nostro soggiorno parigino alla Eat-Pray-Love ha preso via dicendo una piega molto più Eat-Eat-Eat, nello specifico Colazione-Cappuccino-Cena.

 

La colazione è stato il momento più bello. Mentre attraversavamo la strada da una Boulangerie all’altra, ci siamo lasciate guidare dal nostro fiuto per decidere chi aveva sfornato il Pan-au-Chocolat più fragrante. Dopo 6 croissant e una baguette au fromage, siamo uscite con il sorriso sulle labbra e un nuovo cappotto a pois, tante le briciole che c’erano cadute sopra. Per pranzo, data la vagonata di carboidrati che avevamo divorato, ci siamo fatte bastare un cappuccino ino.

 

Per evitare di incorrere in schiume di latte da bagno spolverate di cioccolato per la modica cifra di 6.50 euro (Police, Police!), ci siamo tuffate nel cappuccino di Faubourg 54: il più favoloso Coffeeshopping di Parigi, dove, tra le pareti pink e le mattonelle glassate di un ex oratorio parigino, due ragazzi italiani e uno “franscese” hanno creato un pop store di pezzi unici. Alla vista di una scritta al rossetto su una t-shirt, ci è partita la fregola per l’intera capsule collection; le volevamo in tutte le forme e colori queste tshirt: bianche, felpate, oversizate, marinate…

 

Googlemaps, che non prendeva, ci ha portato per errore tra i bellissimi vigneti ai piedi di Montmartre; poi un salto alla mostra di Dior al Musée des arts Décoratifs, 1000 foto alle casette arcobaleno nella deliziosa Rue Crémieux e, finalmente, eccoci nel Les Mareis, puntuali per l’aperitivo. Abbiamo preso posto sotto i funghi caldi della deliziosa vineria Le Village: un bicchiere di Bourdeax e tutto ha cominciato a girare! E poiché il vino rosso non è mai abbastanza, ci siamo concesse un coq-au-vin (galletto al vino) e via di Boomerag-brindisi a ripetizione!

 

A cena abbiamo deciso di mangiare con gli occhi anche il tipo del ristorantino La Boite aux Lettres a Montmartre. Confuse e felici dal sapore delle Escargot, del vino rosso (eddaje!) e del Gatò-au-chocolat, abbiamo lasciato il ristorante ancora ridendo per la lumaca volata sul vestito della vicina di tavolo. Fortuna che al ritorno da Montmartre la strada è tutta in discesa!

Fregole Somewhere: Paris, 50 Shades of Great.

What’s the secret of Paris? The gray rooftops, the melancholy sensation in the air, the pastels that make all the buildings look like castles, while the laundry drying in the sun dances to the notes of Montmartre’s violins.

 

We lost ourselves in an uphill hike to reach the Sacré-Coeur as it turned pink at sunset, counted the endless steps of the staircases that lead to Pigalle, and stopped to admire the celestial sugar paper embroidered doors. For a moment, we even thought we could walk from Les Marais from the Moulin Rouge, it seemed so close on the map. Actually, Paris is way too big to do on foot, even with sneakers on your feet and a pair of heels in your purse. But never say never!

 

Our Eat-Pray- Love style Parisian break turned progressively into an Eat-Eat-Eat, or should we say Breakfast Cappuccino- Dinner, kind of trip as the weekend went on. And breakfast was definitely our favorite part of the day. Hopping across the street from one boulangerie to another, we followed our noses to the most fragrant pan-au-chocolat in town. Six croissants and one baguette au fromage later, we emerged with a huge smile on our lips and a new polka dot coat thanks to all the crumbs that had fallen on to it.

 

For lunch, considering the quantity of carbs we’d demolished, we decided to go for a (small) cappuccino. And to avoid the usual bath foam milk dusted with chocolate at the reasonable price of €6.50 (call the police!), we took the plunge into the cappuccino of Faubourg 54: Paris’s most fabulous Coffeeshopping, where between the pink walls and sugar-frosted tiles of a former Parisian oratory, two Italians and one “Frensch” guy have opened a pop store of unique pieces. Needless to say, at the sight of a lipstick print on a t-shirt we got a “fregola” for the entire amazing capsule collection: we wanted it in every color and style – white, sweatshirt fabric, oversized, even marinated!

 

After Google maps, which wasn’t picking up, lead us by mistake to the stunning vineyards at the foot of Montmartre, we popped in to the Dior exhibition at the Musée des Arts Décoratifs, took 1000 photos in the delightful rainbow-colored houses of Rue Crémieux, and arrived in the picture- perfect Les Mareis area just in time for aperitifs. We took a seat under the gas heaters at the enchanting Le Village winery: one glass of Bordeaux and the world started spinning! Then, because you can never have too much red wine, we chose coq-au- vin for dinner, followed by several Boomerang toasts!

 

We also got to feast our eyes on the guy from the La Boite aux Lettres restaurant in Montmartre, who tried to speak to us in Italian. Confused and happy about the flavors of Escargots, red wine (another glass please!) and Gateaux-au- chocolat, we left the restaurant still laughing about that snail that jumped out of the plate right into the lap of the woman sitting next to us. Luckily for us, the road back home from Montmartre is all downhill!
Bonne Nuit Paris!

    1. Written by Mari Lacedra

      Photos via georgiannalane.com, instagram.com/nathaliemroch, faubourg54.com, instagram.com/heels_and_havaianas

you may also like:

LEAVE A COMMENT